Celiachia nel Gatto e nel Cane

Inserito in Alimentazione Bio-Compatibile, Malattie del CANE, Malattie del GATTO

Un vero flagello, la Celiachia nel Gatto e nel Cane.

Con questo articolo sulla Celiachia nel Gatto e nel Cane invito alla riflessione sulla dieta quotidiana di tantissimi animali domestici e non… su cosa diamo da mangiare ai nostri pet ed anche a conoscere i problemi che possono insorgere, da un’alimentazione scorretta industriale.

 
Celiachia nel Gatto
 

Celiachia nel Gatto e nel Cane

 
Solitamente la maggior parte di Cani e Gatti sono allergici agli additivi presenti nel mangimi confezionati… ma non solo.

La Celiachia nel Gatto e nel Cane è ormai una realtà !
Da molti anni noi veterinari, assistiamo ad un aumento esponenziale, direi una vera e propria EPIDEMIA di: allergie, intolleranze, malattie autoimmuni (Tiroiditi, Cushing, IBD, Pancreatiti, Encefaliti, ecc.. ) e non ultimi tumori, specie del sangue come Linfomi e Leucemie.
Una delle cause principali di questa ECATOMBE è senz’altro a mio avviso, la presenza di grano e prodotti a base di GLUTINE presenti ormai in larga misura in molti prodotti del pet food che i carnivori non possono digerire e non sono certo allergici a manzo o pollame.
Solitamente gli alimenti a base di grano e glutine provocano una infiammazione della parete intestinale molto simile a quella provocata dalla celiachiosi nell’uomo, con infiltrazioni della parete intestinale da parte di cellule infiammatorie, ispessimento e conseguenti sintomi di: malassorbimento, vomito e diarrea.
In molti casi gli alimenti a base di GLUTINE provocano intolleranze alimentari, o anche colite con muco in eccesso nelle feci, alternanza di diarrea e di stitichezza oppure, addome teso e gonfio per l’eccesso di aria nell’intestino e cistiti croniche.

La Celiachia nel Gatto e nel Cane si presenta sia come ad allergia immediata i cui sintomi si manifestano entro poche ore dall’assunzione di frumento (anche piccole quantità), sia come allergia ritardata indipendente dalla quantità di glutine che viene ingerito per più giorni consecutivi.

Ci può essere una forma seria di allergia al glutine, che non va assunto più a vita e invece una forma transitoria, per cui è importante definire una soglia di tolleranza, oltre la quale non si deve andare. Il GLUTINE si trova in frumento, farro, orzo , kamut, ecc.
Queste forme esordiscono in genere in modo più SUBDOLO e talvolta si manifestano con disturbi come congiuntivite oppure otite, rinite, ecc spesso non riconosciute da veterinari poco attenti.
 
La Celiachia nel Gatto e nel Cane, è un affezione notevolmente più MORBOSA rispetto a quella umana, in quanto se l’uomo ha per sua natura, un apparato pronto a digerire il frumento, cani e gatti non hanno un corredo enzimatico adatto, specie il gatto che è un carnivoro stretto, e quindi la malattia ha un esordio particolarmente invasivo. Nell’uomo nella maggior parte dei casi si presenta quando si fa un abuso di glutine, invece nel gatto e nel cane , quando si fa il semplice uso di frumento.
 

La Celiachia nel Gatto e nel Cane sovente innesca altre allergie alimentari a catena, per un disordine immunologico cronicizzato nel tempo, intolleranze ai lieviti, anche talvolta ad alcune proteine, il sistema immunitario è nel caos. E’ molto facile immaginare il danno che possono fare anche gli additivi chmici presenti nel pet food, danni che si sovrappongono e dai quali diventa difficile far uscire l’animale.

La BOTTA finale arriva quando un Gatto o un Cane intollerante, presenta sintomi come dermatiti, pruriti, granuloma, rinite ecc e invece di essere disintossicato e messo a dieta , viene bombardato di farmaci e cortisone..
Celiachia nel Gatto e nel Cane

Inoltre quando ci troviamo di fronte a un tumore, l’ingestione di carboidrati può scatenare una crescita rapida dello stesso, (specie nel cane e nel gatto, dove il loro DNA non presenta un corredo enzimatico sufficiente a metabolizzare i carboidrati).

Celiachia nel Gatto e nel Cane

Per valutare intolleranze alimentari è fondamentale saper cogliere i sintomi osservando gli animali senza dover entrare in tunnel di analisi, test di intolleranza e vaccini vari.
Spesso un gatti e cani intolleranti verso il glutine o l’amido mostrano alcuni segnali più o meno evidenti, che vanno saputi riconoscere: tendenza alla congiuntivite, otite ricorrente, leccamento delle zampe, prurito occasionale, stanchezza ma anche irritabilità. Anche reflusso gastrico e flatulenza possono essere campanelli di allarme di una alimentazione sbagliata e di Celiachia nel Cane o nel Gatto.

Celiachia nel Gatto e nel Cane

celiachia-gatto
Molte volte, più di quanto si creda, basta ELIMINARE il GLUTINE ed anche l’amido per avere una remissione completa dei sintomi. Per tutti gli animali alimentati industrialmente, un cambio radicale di alimentazione è fondamentale per prevenire i tumori che sono quasi sempre una conseguenza di una alimentazione sbagliata spalmata nel tempo .

Celiachia nel Gatto e nel Cane

Spesso quando mi arriva un caso di neoplasia, l’alimentazione passata e futura, è uno degli argomenti su cui concentro l’attenzione. Non a caso, in anni di lavoro con gli animali, ho potuto constatare che leucemie improvvise (in soggetti predisposti da virus, immunodeficienze, ecc.) erano concomitanti ad un consumo continuativo e spesso eccessivo di carboidrati, latticini e derivati. La stessa situazione si verificava in caso di tumori al cervello, mammari e polmonari in animali alimentati con grano e amido e glutine in eccesso, nella dieta quotidiana.
Posso affermare con certezza che quando cambio l’alimentazione ad un mio paziente, passando dal cibo industriale preconfezionato, a quello naturale, eliminando carboidrati, glutine e spesso anche l’amido, verifico una riduzione della massa neoplastica e dell’infiammazione (angiogenesi). Un regime dietetico naturale con l’esclusione di carboidrati, glutine (per alcuni tumori escludendo anche prodotti caseari), affiancandosi alla terapia oncologica specifica da una migliore qualità di vita avvolte anche una regressione nel tempo del tumore.

Di problematiche relative alla Celiachia nel Gatto e nel Cane, purtroppo in Italia se ne parla troppo poco, c’è anche scarsa informazione sulla tossicità dell’alimentazione industriale, diversamente dal resto del mondo dove la dieta naturale sta avendo sempre più consensi.
 
Per concludere, prima che sia troppo tardi, documentatevi bene sui danni che un’alimentazione sbagliata, prima o poi, può provocare, osservate bene i vostri pet e ricordatevi che siete sempre in tempo per migliorare la qualità della loro vita, basta scegliere di cambiare in MEGLIO !
 
 

Alessandro Prota
Veterinario Olistico

 

 
www.gattocicova.it

 

Celiachia nel Gatto e nel Cane

 
 
POTREBBE PIACERTI ANCHE ..

Biscotti per Gatti da NON fare

Le Ciotole Pericolose

Carne di maiale Cane e Gatto

Svezzamento nel Gattino

Pesce nel Gatto e nel Cane

Latte al Cane fa male !

Dipendenza Cibo Industriale Gatto

Alimentazione Industriale Cane

Alimenti Biologici e TRUFFE

Diarrea e Pet Food


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Celiachia nel Gatto e nel Cane