Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto

Inserito in Omeopatia

I Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto sono rimedi omeopatici poco conosciuti e poco utilizzati in Italia. In particolare due di questi: il Carbonyll Gruppen comp SSR e il Rhodizonsaure comp, sono estremamente efficaci e potenti in tante patologie acute e croniche di persone e animali.

 
Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto
 

Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto

 
 
Questi due Chinoni di Koch omeopatici, sono collocati in un gradino più in alto rispetto a qualsiasi altro rimedio omeopatico conosciuto, questo perchè hanno la caratteristica di agire sul ripristino del metabolismo cellulare bloccato durante la malattia.
Quando si accumulano tossine nell’organismo malato, si instaura un blocco dei normali processi biologici intermedi ed energetici delle cellule, ed è proprio in questo ambito che si inserisce l’azione dei Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto, che hanno il potere di agire a monte di ciò che presiede lo stato di malattia, cioè sui complessi meccanismi della vita cellulare.
In stato di iperossidazione organica con tendenza alla degenerazione tissutale, sono il rimedio principale di stimolo e di sblocco della fosforilazione ossidativa.

 
 
Il dottore americano Dr. WF Koch (1885-1967) è stato il primo medico che ha iniziato nel 1920 a lavorare con i cosiddetti: Spazzini dei Radicali Liberi. In questo modo è riuscito ad ottenere un notevole successo terapeutico, nelle malattie resistenti ai farmaci. (Koch, WF:. La sopravvivenza nel cancro e malattie virali il principio chiave della loro curabilità Karl F. Haug Verlag, Heidelberg 1966).
Da un punto di vista biologico, processi metabolici del corpo hanno origine a livello atomico o molecolare. Un ruolo importante è svolto dai ben noti Radicali Liberi che sono altamente reattivi, ma solitamente di breve durata, gruppi carbonilici attivati, cioè composti di carbonio e ossigeno, sono gli attori chiave nella dinamica degli elettroni. I movimenti di elettroni sono infatti quelli che regolano la produzione di energia nel corpo.
Le cellule formano i tessuti e i tessuti formano gli organi..
Durante il blocco dell’attività cellulare, i Radicali Liberi proliferano. E questi nuovi composti tossici interferiscono con il regolare processo vitale delle cellule, bloccando i processi metabolici che sono essenziali per la respirazione cellulare, la produzione di energia e la divisione cellulare.
Nel perdurare di un danno cellulare dovuto a stress ossidativo, l’organismo perde la sua competenza immunitaria e quindi la capacità di proteggere se stesso, dalle infezioni pericolose per vita e dai processi cronico-degenerativi.
 
 
A causa di una eccessiva esposizione a specie ossidanti altamente reattive, l’equilibrio tra Radicali Liberi e antiossidanti può venire meno; si innesca così una situazione di stress ossidativo, il quale è responsabile di importanti danni che compromettono la funzionalità di cellule e tessuti ed è associato a numerose patologie croniche, quali: disturbi cardio-circolatori (aterosclerosi, ischemie, ictus), diabete, cancro, malattie neurodegenerative (Alzheimer).
Inoltre, lo stress ossidativo è tra le principali cause dell’invecchiamento cellulare. I ROS infatti attaccano le catene polinsature dei lipidi provocandone l’ossidazione (perossidazione lipidica). L’alterazione delle catene lipidiche rappresenta un grave danno a carico delle membrane cellulari, le quali diventano maggiormente permeabili e perdono la loro efficienza, con conseguente invecchiamento precoce di cellule e tessuti.
In assenza di questa “barriera antiossidante”, i radicali liberi reagiscono rapidamente con le biomolecole fondamentali per la vita, quali DNA, lipidi e proteine, causando danni cellulari di grave entità e perfino la morte delle cellule stesse.
 
 
Il prof. Koch ha sviluppato sostanze chimiche che hanno il compito di rompere i blocchi del metabolismo e quindi produrre di nuovo l’ordine base molecolare.
Il motivo essenziale della loro efficacia è dovuto al fatto che agiscono in caso do stress ossidativo della cellula tipico di un organismo malato, ripristinando il metabolismo cellulare nel: cilclo di krebs fosforilazione ossidativa e respirazione cellulare. (La fosforilazione ossidativa è un processo biochimico cellulare fondamentale e ubiquitario. Si tratta della fase finale della respirazione cellulare, dopo glicolisi e ciclo di Krebs).
La somministrazione di Chinoni diluiti ed omeopatizzati alla D6 e D8, è in grado di dare una microstimolazione sufficiente a indurre lo sblocco delle reazioni biochimiche e la liberazione delle tossine nei tessuti.
Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto, sono efficaci in caso di malattie iatrogene conseguenti a somministrazioni di farmaci allopatici, intossicazioni croniche, malattie virali gravi in grado di determinare sintesi proteiche cellulari anomale con ripercussioni gravi sulla globalità dell’organismo.
 
 

La terapia molecolare di di Koch con gruppi carbonilici

 
Carbonyllgruppen comp SSR
Per il supporto farmaco di sangue e la rigenerazione dei tessuti, in tutte le malattie del metabolismo cellulare, come Coadiuvante nella terapia del cancro e le infezioni virali acute.
composizione:
2 ml di soluzione iniettabile contengono: Di- (N-succinimidil) ossalato (DSO) Dil. D6 2 g. (in acqua distillata)

 
Rhodizonsaure comp
Per il supporto farmaco di sangue e la rigenerazione dei tessuti, in tutte le malattie del metabolismo cellulare, come Coadiuvante nella terapia del cancro e le infezioni virali acute.
composizione:
2 ml di soluzione iniettabile contengono:
– Gliossale Dil. D8 0,5 ml
– Methylglyoxal Dil. D8 0,5 ml
– Trichinoyl Dil. D8 0,5 ml
– Rodizonico Dil. D8 0,5 ml
per soluzione isotonica è stato aggiunto cloruro di sodio
 
Il Glyoxal contiene due componenti: metilglossale e gliossale. Secondo il Professor W. Frederik Kock, grazie alle caratteristiche del gruppo carbonilico, queste due sostanze hanno un effetto duraturo su un gran numero di malattie degenerative. Sono in grado di liberare i sistemi energetici bloccati della cellula.
 
 

Utilità generale dei Chinoni Omeopatizzati
 
Malattie virali acute e croniche

Malattie allergiche e autoimmuni

Malattie neuro-muscolari

Malattie dermatologiche

Malattie cronico-degenerative
 
 

Utilità specifica dei Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto

– Forme virali acute e croniche anche erpetiche (rinotracheite infettiva felina, la felv, ecc..)
– Patologie croniche del fegato e dei reni
– Malattie croniche respiratorie dei polmoni (asma, enfisema, ecc..)
– Malattie del sangue (leucopenia e trombopenia, come pure leucocitosi e trombocitosi)
– Dermatosi di varia natura (micosi, eczemi)
– Nelle malattie neurologiche
– Deficit immunitario (autoimmunità)
– Leishmaniosi
– Granuloma Eosinofilo
– Allergie agli alimenti e ambientali di varia natura
– Malattie tumorali anche in situazioni post operatorie in cui diminuscono i dolori si velocizza il recupero delle forze con aumentata vitalità
 
 
N.B. Per quanto riguarda i dosaggi dei Chinoni Omeopatizzati in Cani e Gatti, la posologia va personalizzata ed è da stabilire man mano che si procede col trattamento, che va messo in atto, con la guida di esperti che ne conoscano l’uso. La somministrazione cambia se si stratta di disturbi cronici o acuti.
 
 
Grazia Foti
Naturopata

 
 
www.gattocicova.it

 
 

Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto

 
 
POTREBBE PIACERTI ANCHE ..

Pulsatilla Pratensis

Omeopatici utili nel Cane

Adonis Vernalis Gatto Cane

Oscillococcinum Sindromi Virali

Omeopatia Animali OTTIMA

Carbo Vegetabilis nel Cane

Sali Tissutali nel Gatto

Aesculus Hippocastanum

Omeopatia per Gatti e Cani

Crocus Sativus e Ipersensibilità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chinoni Omeopatizzati nel Cane e Gatto