Malattie da Zecca nel Cane

Inserito in Malattie del CANE

Le Malattie da Zecca nel Cane Ehrlichiosi, Piroplasmosi e Borreliosi (Malattia di Lyme), sono zoonosi insidiose sia per gli animali che per l’uomo. Nel senso che se un uomo si sdraia nell’erba e viene punto da una Zecca infetta, può contrarre le Malattie da Zecca.

 
Malattie da Zecca nel Cane
 

Malattie da Zecca nel Cane
Quando una si queste malattie parassitarie colpisce l’uomo o il cane, il decorso più o meno favorevole è estremamente legato allo stato del Sistema Immunitario.

ERLICHIOSI
L’Ehrlichiosi è una delle Malattie da Zecca nel Cane, trasmessa da un parassita intracellulare del tipo Ehrlichia, (famiglia Rickettsiaceae). Tra tante basta solo una zecca infetta ad essere contagiosa. Il genere di parassita è la Rhipicephalus Sanguineus, la classica Zecca marroncina del Cane.
La Zecca si infetta attraverso un pasto di sangue di un cane già malato di Ehrlichia ed è in grado di trasmettere l’Erlichiosi anche 150 giorni dopo aver succhiato sangue infetto.

Per quanto riguarda i contagio delle Malattie da Zecca nel Cane oltre che i parassiti un’altra via di trasmissione può essere una trasfusione di sangue infetto.

Il decorso della Ehrlichiosi nel Cane si manifesta in varie forme più o meni acute, dopo un periodo di incubazione variabile (circa 15 giorni). La forma più acuta presenta sintomi gravi come: febbre, anemia, rinite, scolo nasale e oculare, anoressia, ingrossamento dei linfonodi, stordimento, apatia.
Una forma subacuta in cui che può variare da uno a due mesi e che può essere combattuta quando il sistema immunitario reagisce e può eliminare l’infezione.
Esiste una forma cronica di questa malattia: che si presenta con uno stato di malessere generale, accompagnato da perdita di peso, minime variazioni ematologiche, pancitopenia (diminuzione nel sangue di tutte le linee cellulari prodotte nel midollo osseo).
 
 
Altri Sintomi di Ehrlichiosi nel Cane
– ottundimento sensorio, letargia, dimagrimento, anoressia, talvolta emorragie, ecchimosi cutanee, epistassi
– linfoadenomegalia, splenomegalia
– uveite anteriore, corio retinite, papilledema, emorragia retinica, distacco retinico bolloso
– meningite, convulsioni, stupore, atassia, disfunzioni da motoneurone superiore ed inferiore, disfunzione vestibolare centrale o periferica, anisocoria (pupille di dimensioni diverse), tremore, iperestesia, polimiosite
– tetraparesi progressiva, atrofia muscolare, poliartrite, zoppia

 
 
Diagnosi e Terapia Ehrlichiosi
La diagnosi di Ehrlichiosi nel Cane si attua attraverso esami del sangue, che qualora risultassero negativi, in presenza dei sintomi, vanno ripetuti poichè la malattia potrebbe ancora non essere visibile nel torrente ematico.
 
La terapia farmacologica indicata da un bravo veterinario, deve essere, tempestiva e si basa sulla somministrazione di Doxiciclina e altri farmaci per l’Erlichiosi e dà decisamente migliori risultati quanto più precoce è la diagnosi, sono infatti più difficili da trattare con successo i pazienti in fase cronica. La terapia d’elezione si basa sulla somministrazione per 21 giorni di Doxiciclina e Imidocard
 
 
PIROPLASMOSI
La Piroplasmosi o Babesiosi è una altra delle Malattie da Zecca nel Cane che si può contrarre da zecche infette che risiedono in alcune zone di Italia, non tutte le zecche trasmettono questa malattia.
La Piroplasmosi è provocata dai protozoi del genere Babesia canis, i famosi piroplasmi. E’ trasmessa da zecche del genere R. Sanguineus e Dermacentor Reticulatus e Marginatus.

La zecca infetta trasmette la Piroplasmosi attraverso il suo morso sulla cute del Cane

Sintomi di Piroplasmosi
Nel Cane la Piroplasmosi può avere una forma acuta o cronica. La forma acuta può anche portare al decesso del cane. attraverso una serie di sintomi che si sviluppano velocemente:
 
– Anoressia
– Febbre
– Letargia
– Anemia Emolitica acuta
– Trombocitopenia
– Aumento di volume della milza
– Aumento di volume dei linfonodi
– Vomito
– Urine scure
– Ematuria
– Ittero
– Shock Ipotensivo
– Coma
 
 
Nella forma cronica di Piroplasmosi si presentano sintomi come : Febbre intermittente, vomito, stomatite, ascite, dispnea, edema degli arti, edema polmonare, inappetenza, dimagrimento.
 
 
Diagnosi e Terapia Piroplasmosi Cane
Per quanto riguarda la diagnosi serve un bravo veterinario poichè si può confondere con altre malattie come: anemia emolitica immunomediata, stato di intossicazione, setticemia, e presenza di clostridi. La diagnosi definitiva si ha o con l’evidenziatura in uno striscio di sangue dei piroplasmi (ma non sempre si trovano in circolo, quindi potrebbero esservi richiesti prelievi anche ad orari differenti) o tramite sierologia.
 
La terapia tradizionale farmacologica per la Piroplasmosi nel Cane, si basa su una lunga e intensa terapia antibiotica con Doxiciclina e Imidocarb,
 
 
BORRELIOSI (MALATTIA DI LYME)
La malattia di Lyme è un emoparassitosi provocata dal batterio Borrelia Burgdorferi. Questo batterio usualmente si trova nei topi e cervi e le zecche Ixodes Ricinus (la stessa zecca che trasmette l’Ehrlichiosi), possono infettarsi con i batteri quando mordono un animale infetto, per poi trasmetterlo ad un altro animale o ad una persona che può così contrarre la Borreliosi.
La maggior parte dei casi di malattia di Lyme segnalati riguarda il Nord Est Europa, le zone costiere del Pacifico e degli Stati Uniti.

La trasmissione della Borreliosi richiede che la zecca rimanga attaccata al cane per almeno 48 ore

Borrelia resiste poco nell’ambiente esterno e in questo si differenzia dalla Leptospira. Sono ospite-associate, quindi deve essere trasmessa attraverso un vettore, in questo caso le zecche del genere Ixodes ricinus. Ricordiamo che è la stessa zecca che trasmette anche l’Ehrlichiosi, spesso infatti si ha una coinfezione e che la Borreliosi ha un ciclo biologico di due anni, quindi mantiene a lungo l’infezione in natura. Bisogna inoltre considerare che non tutti i cani morsi dalla zecca sviluppano malattia, pur risultando positivi. Per quanto riguarda i gatti, in alcuni soggetti è stata riscontrata una sieropositività, ma senza malattia.
 
 

Sintomi Borreliosi Cane
Nel cane i sintomi di Borreliosi compaiono tra 2 o addirittura 5 mesi dopo l’esposizione al morso della zecca, mentre i sintomi e la gravità variano tantissimo a seconda dello stato del Sistema Immunitario e la qualità di vita del Cane:
 
– Sintomi sistemici
– Febbre alta
– Zoppia con deviazione delle zampe
– Gonfiore articolare
– Linfoadenomegalia
– Anoressia
– Abbattimento
– Artrite
– Patologie renali: Glomerulopatia proteino-disperdente, Iperazotemia, Uremia, Proteinuria
– Edema periferico
– Versamenti cavitari
– Anoressia
– Vomito
– Inappetenza
– Letargia
– Lesione cutanea sul sito d’attacco della zecca
– Eritema migrant
– Alterazioni neurologica
– Aritmia cardiaca con miocardite
– Rigidità al collo
– Gonfiori e dolori alle articolazioni
– Artrite

 
 

Diagnosi e Terapia Borreliosi
Per quanto riguarda la diagnosi di Borreliosi nel Cane, esistono dei test sierologici da fare, anche se una loro positività (titolo anticorpale alto) indica l’esposizione alle spirochete, ma non malattia clinica in corso. Attenzione poi alle reazioni crociate con i falsi positivi, mentre i falsi negativi sono rari.

La terapia medica si basa sulla somministrazione prolungata e intensa di antibiotici come la Doxiciclina o il Ceftriaxone di minimo 30 giorni, perché la Malattia di Lyme presenta spesso recidive o recrudescenze al termine della terapia. Il dolore legato all’artrite può essere trattato con integratori appositi o rimedi omeopatici per non aggiungere benzina al fuoco dovuto ad intossicazione da farmaci.

E’ bene in caso di ritrovamento di zecche attaccate alla cute, controllare il comportamento del Cane: (sonnolenza o letargia), il colore delle urine (può variare tendendo ad un colore marrone) ed episodi febbrili. In tal caso l’intervento del veterinario dovrà valutare tra le varie analisi, anche la presenza di emoparassiti con un semplice esame del sangue.

 
 
PREVENZIONE delle Malattie da Zecca nel Cane
Come prevenzione indipendentemente dall’uso di trattamenti antiparassitari naturali o da pesticidi chimici, è importante che non si porti il Cane in luoghi dove si sia accertata la presenza di zecche, al pari di come si farebbe per noi stessi e per i nostri bambini.
 
Le zecche spesso vivono all’interno di alberi ombrosi, terra umida e si aggrappano anche all’erba alta, a cespugli, ad arbusti e alberi e rami bassi. I prati e i giardini possono essere un habitat ideale per le zecche, specialmente ai bordi dei boschi e delle foreste o nei pressi di vecchi muri in pietra (aree in cui cervi e topi, il principale habitat della zecca è il cervo).
 
Per prevenire la Malattie da Zecca nel Cane, evitare il contatto con il suolo, le foglie e la vegetazione per quanto possibile, soprattutto in primavera/estate. Portare il Cane a passeggiare in zone dove l’erba è bassa, in aree verdi pulite e ben tenute.
 
I pesticidi normalmente spruzzati sulla cute del Cane, non garantiscono che una zecca non si attacchi alla cute per succhiare il sangue e nutrirsi, Offrono una protezione parziale e incerta , ma nello stesso tempo sono estremamente tossici: vengono assorbiti dalla cute e penetrano nel circolo ematico e linfatico.
 
 

gattocicova-foglie

 
 
Cure Naturali Malattie da Zecca nel Cane
 
Il ruolo del Sistema Immunitario durante queste gravi malattie da Zecca nel Cane e fondamentale per aiutare l’organismo ad uscire dalla malattia.

E’ necessario in presenza di Malattie da Zecca nel Cane essere a conoscenza e disporre di un nutrito budget di trattamenti naturali senza effetti collaterali aggiunti

Innanzitutto è bene stimolare le difese generali con prodotti come Engystol, Lisina , Aloe Vera ecc.
Gli organi colpiti dalla patologia come fegato, reni, intestino vanno rigenerati e messi in condizione di reagire agli attacchi degli emoparassiti, in questo caso abbiamo a disposizione tanti rimedi sia omeopatici sia fitoterapici, anche se nelle fasi acute è sempre bene agire con l’omeopatia poichè estratti fitoterapici e integratori vengono metabolizzati e digeriti con più difficoltà da un organismo troppo debilitato.

E’ bene mantenere una depurazione costante degli organi emuntori durante terapie farmacologiche specie se prolungate.
 
 
www.gattocicova.it

 
 

Malattie da Zecca nel Cane

 
 
POTREBBE PIACERTI ANCHE…

Insufficienza Mitralica Cane

Struvite nel Cane Cibi Industriali

Papilloma nel Cane

Febbre nel Cane
sintomo SPIA

Pannicolite da Vaccino nel Cane

Allergie nel Cane Spesso ritardate

Trombocitopenia nel Cane

Gravidanza Isterica nel Cane

Dermatite nel Cane

Ascesso nel Cane Rimedi


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Malattie da Zecca nel Cane