Spagiria nel Gatto e nel Cane

Inserito in Medicine Non Convenzionali

La Spagiria nel Gatto e nel Cane è una metodica curativa che può essere utilizzata con successo per molte patologie. La Spagiria è una delle materie che si studia nelle scuole accreditate di Naturopatia fin dal primo anno, poiché getta le basi per lo studio di altre discipline di cure non convenzionali.

 
Spagiria nel Gatto e nel Cane
 

Spagiria nel Gatto e nel Cane

 
La Spagiria dal greco “spao” (separare) e “agheuro” (ricongiungere).. si fonde con l’Arte dell’Alchimia.
 
Nella preparazione di tinture madri vegetali, minerali o metalliche, rappresenta l’abilità di separare, purificare e ricongiungere, la materia sottile energetica, dalla materia densa, in modo di esaltare e portare ad evoluzione, le potenzialità intrinseche di ogni rimedio. L’iniziatore della Spagiria è il medico svizzero Paracelso (1493-1541).
Ha le sue origini in Egitto, passando per la Grecia, arrivando a Pitagora.. fino ai giorni nostri.

Spagiria nel Gatto e nel Cane
I rimedi spagirici agiscono sul livello fisico-psichico e spirituale/energetico e si possono abbinare ad altre terapie .. per curare la malattia é necessario agire oltre che sul corpo fisico, tutto sulle parti più sottili dell’uomo e dell’animale.

L’Alchimista per eccellenza, che lavora in maniera silenziosa.. è Madre Natura.
Un perfetto e intelligente laboratorio alchemico, nasce, cresce ed evolve sotto i nostri occhi.
L’Alchimista attraverso procedimenti molto particolari, distillazioni, fermentazioni, sublimazioni e coobazioni. Da questo derivano le tinture che seguono tre fasi essenziali di preparazione: fermentazione, distillazione e incenerimento in modo da estrarre dalle piante oli essenziali, e materie inorganiche come sostanze minerali e oligoelementi.
 
Parlando di Spagiria nel Gatto e nel Cane, i rimedi vengono ben assimilati e metabolizzati sia sul piano fisico e sia sul piano energetico, da parte dell’organismo.
 
La tintura madre classica, si ottiene dalla macerazione di una pianta medicinale in soluzione alcolica. La tintura spagirica invece viene preparata separando alchemicamente i suoi componenti primordiali: Mercur, Sulfur e Sal (Mercurio, Zolfo e Sale) che vengono poi ri-uniti attraverso un procedimento di Circolazione. Questo elemento rappresenta l’assunto del processo Alchemico: “Solve et coagula et Habebis Magisterium”.

 

Le piante utilizzate “dall’Alchimista” sono scelte fresche e che vivono in zone salubri esenti da elementi impuri come pesticidi e metalli pesanti. Vengono lavorate seguendo il ritmo e le orbite di Pianeti (i sette interni), Sole e Luna.

Le piante raccolte e sottoposte ad un test di qualità vengono lavorate sottovuoto

Fatte fermentare in acqua per vari giorni o settimane. Durante la fermentazione, dai cambiamenti del vegetale lavorato, si formano nuove sostanze; gli oli essenziali vengono liberati e si formano così, sostanze aromatiche peculiari delle piante.
 
Successivamente la nuova sostanza vegetale, viene distillata con vapore acqueo, un procedimento che ha lo scopo di recuperare le sostanze aromatiche e l’etanolo estratto dalle piante precedentemente fermentate.
 
Il passaggio finale é l’incenerimento (calcinazione, secondo il linguaggio alchemico). Questo processo di combustione elimina ogni traccia di sostanze organiche (alcaloidi).
 
La pianta così trattata può esplicare al meglio le sue innate potenzialità e funzionalità.
La gradazione alcolica che si ottiene è molto bassa per cui gli estratti sono ben metabolizzati da animali e bambini.
Tra le aziende che producono rimedi spagirici e che uso frequentemente per curare cani e gatti, abbiamo Herboplanet, Pekana, Solunat, Erbe Nobili, Similia …
 
 
Grazia Foti
Naturopata

 
 
www.gattocicova.it

 
 

Spagiria nel Gatto e nel Cane

 
 

POTREBBE PIACERTI ANCHE ..

Litoterapia Dechelatrice

Metalli Vegetabilizzati

Medicina Antroposofica

Micro Immunoterapia

Omotossicologia Gatto e Cane

Agopuntura Veterinaria

Catene Causali H. Schimmel

 

 

 

 

 

 

 

Spagiria nel Gatto e nel Cane